>

Tonno in scatola e diverticoli: Posso mangiarlo in presenza di diverticolosi e diverticolite?

Hai i diverticoli e ti stai chiedendo se puoi consumare il tonno in scatola, scopriamolo subito in questo articolo!

I diverticoli sono delle piccole sacche che si vengono a formare sulla parete intestinale, e sono causate da una dieta povera di fibre e dall’inattività fisica che favorisce problemi digestivi, come la costipazione, che fa ristagnare le feci nel tratto digerente per un periodo eccessivamente lungo.

Molte volte i soggetti scoprono di avere i diverticoli, senza nessun sintomo apparente di infiammazione e questa condizione prende i nome di diverticolosi.

Se invece i diverticoli sono di natura infiammatoria siamo difronte ad una condizione conosciuta anche come diverticolite.

 

In presenza di diverticolite e diverticolosi è consigliabile fare una dieta rigorosamente ricca di frutta e verdura per non peggiorare ulteriormente l’infiammazione in atto.

Le persone che hanno i diverticoli dovrebbero eliminare il tonno in scatola dalla dieta per moltissime ragioni, tra cui:

  • si tratta di un alimento industriale, a lunga conservazione, che ha perso moltissime sostanze nutritive durante la lavorazione.
  • eccesso di sale: Una sola scatoletta di tonno contiene al suo interno una quantità di sale che dovresti consumare durante la giornata. L’eccesso di sale irrita ulteriormente le pareti intestinali già molto sofferenti.
  • Ecceso di mercurio: Il nostro organismo è già saturo di tossine, in quanto l’organismo non riesce ad eliminare efficacemente le sostanze di rifiuto tramite la defecazione. Consumare il tonno in scatola per una persona affetta da diverticoli non fa che aumentare i metalli pesanti come il mercurio. Il mercurio è un metallo pesante che è molto presente nel tonno in scatola, e per tale motivo va bandito necessariamente dal tuo regime alimentare.

Quante volte alla settimana posso consumarlo?

Una persona normale dovrebbe consumare il tonno in scatola max 1-2 volte a settimana, mentre i soggetti affetti da diverticoli dovrebbero abolire completamente il consumo di questo alimento dalla propria dieta.

Alimenti da eliminare

Altri cibi da eliminare sono:

  • cereali con glutine
  • cereali raffinati 
  • carne
  • alcool
  • cibi industriai trasformati, come merendine, snack, gelati
  • latticini

I cibi che dovrebbero essere la base del tuo percorso alimentare sono tutti quei alimenti ricchi di minerali, vitamine, enzimi, fibre vegetali e acqua biologica, come:

Molto utile può essere utilizzare della fibra vegetale per migliorare la peristalsi intestinale per facilitare l’espulsione delle feci.

Considerazioni finali

Le persone che hanno i diverticoli non possono consumare il tonno in scatola, ma devono necessariamente optare per una dieta più liquida ricca di micronutrienti.

Prima di intraprendere qualsiasi regime alimentare chiedi un consulto al tuo nutrizionista.

Articoli correlati

Limone e diverticoli

Pizza e diverticoli

I diverticoli possono sparire?

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona