>

Cosa mangiare dopo aver vomitato? E con la diarrea?

Hai appena vomitato e ti stai chiedendo cosa mangiare per non peggiorare ulteriormente la nausea, e vomitare ancora una volta il cibo ingerito?

In questo articolo scoprirai quali alimenti consumare in presenza di nausea, vomito o diarrea.

Molte persone confondono erroneamente la nausea con il vomito.

La nausea è un processo difensivo messo in atto dall’organismo per difendersi dai cibi potenzialmente tossici.

Assieme alla forte nausea possono comparire altri sintomi molto fastidiosi, tra cui:

  • forte mal di testa
  • problemi gastrointestinali( diarrea, dolori intestinali, gonfiore addominale.)
  • stanchezza generale
  • vertigini
  • debolezza muscolare

La nausea viene considerato dalle persone come un segnale premonitore che avverte l’organismo che sta per vomitare, ma non è sempre vero, infatti, solitamente il vomito è preceduto dalla nausea, ma non è vero il contrario.

Il vomito è un processo mediante cui l’organismo espelle forzatamente e velocemente il cibo e i liquidi contenuti nello stomaco attraverso il cavo orale( bocca).

La diarrea (emissione di feci maggiore di 3 volte al giorno) è un disturbo intestinale messo in atto dall’organismo tramite l’evacuazione di feci liquide al fine di disintossicare l’organismo da sostanze indesiderate. 

In presenza di diarrea occorre utilizzare i farmaci antidiarroici solo in casi eccezionali.

 

Dopo aver vomitato occorre seguire un’alimentazione che ridrati l’organismo, disinfiammi le mucose intestinali, diminuisca la nausea e sopperisca ai nutrienti persi attraverso i conati di vomito.

Prima di intraprendere nuovamente il consumo di cibo occorre seguire queste indicazioni post vomito:

  • Non mangiare o bere nulla per diverse ore dopo il vomito
  • Cerca di consumare ogni 15 minuti piccoli sorsi di acqua o succhi vegetali per reidratare l’organismo dai sali minerali persi. 👉Perchè è importante consumare i succhi crudi di frutta e verdura
  • Non consumare il latte o gli agrumi che possono irritare la mucosa gastrica e provocare la nausea.
  • Quando noterai che i liquidi introdotti non ti provocheranno nessun stimolo di rigurgito, potrai reintrodurre determinati alimenti solidi nella tua dieta.
  • Per 24-48 ore dopo l’ultimo episodio di vomito, evita cibi che possono irritare o essere difficili da digerire come alcol, caffeina, grassi / oli, cibi piccanti, latte o formaggio.
  • Anche in presenza di diarrea occorre seguire queste regole dietetiche
cosa mangiare dopo vomito

Cibi post vomito assolutamente da evitare

Dopo un episodio di vomito o diarrea occorre seguire un regime dietetico che possa facilitare la digestione e quindi è molto consigliabile eliminare per 2 o tre giorni questi alimenti:

  • cibi confezionati( snack, patatine ecc..)
  • carne rossa( cibo molto duro da digerire)
  • Latticini e glutine( infiammano eccessivamente il tratto digestivo e indeboliscono il sistema immunitario)
  • kebab
  • alcool, bibite gassate, succhi di frutta confezionati

 

Quali cibi mangiare dopo un episodio di vomito?

Dopo un episodio di vomito è di vitale importanza consumare cibi leggeri che non affatichino eccessivamente il tratto digestivo.

I migliori alimenti da consumare sono:

  • banane
  • riso
  • patate
  • fiocchi d’avena
  • albumi

Questi cibi sono altamente digeribili per l’organismo.

 

Esempio dieta giornaliera dopo vomito

Colazione

Una banana

Pranzo

80 grammi di riso raffinato( con problemi allo stomaco è consigliabile evitare almeno per due giorni cibi ricchi di fibre e quindi è consigliabile consumare cibi raffinati)

3 albumi

Cena

2 patate lesse. 2 carote lesse e 60 grammi di tacchino

Cosa devono mangiare i bambini dopo un episodio di vomito?

Come per gli adulti, anche i bambini devono seguire le stesse indicazioni scritte sopra. Per far risultare la dieta più piacevole ai bambini, puoi introdurre nel loro “menù anti vomito” succo di mela e omogeneizzati alla frutta.

 

 

Cosa mangiare se ho nausea e conati di vomito in gravidanza?

Anche in questo caso occorre seguire un’alimentazione il più leggera possibile, in quanto l’organismo è molto affaticato dopo i continui rigurgiti.

Fino alla completa ristabilizzazione del sistema digestivo occorre seguire un menù leggero e di facile digestione.

👉Come migliorare la digestione

Vomito improvviso dopo mangiato?

Se in seguito all’ingestione di cibo hai un episodio improvviso di vomito occorre ristabilire il corretto equilibrio del sistema digestivo tramite un piccolo digiuno.

👉 Scopri la dieta mima digiuno

NOTA BENISSIMO: Queste sono solo delle linee guida da seguire. In presenza di vomito o diarrea si consiglia caldamente di chiedere un consulto al proprio dottore prima di intraprendere qualsiasi decisione alimentare.

Consumare frutta dopo vomito?

Mangiare subito della frutta dopo un episodio di rigurgito è altamente sconsigliabile in quanto qualsiasi cibo ingerito, anche il più salutare, può aumentare la nausea e predisporre ad un secondo rigurgito, indebolendo ulteriormente l’organismo già provato.

Il mio consiglio è quello di aspettare almeno 5 o 6 ore, e sorseggiare un bicchiere di succo di mela a intervalli regolari, e solo inseguito pasteggiare con un frutto.

Cosa mangiare mentre ho la diarrea? La dieta Brat è la migliore?

In presenza di forti scariche diarroiche è consigliabili intraprendere la cosidetta dieta Brat.

La dieta Brat consiste in un regime alimentare ricco di cibi leggeri e poveri di fibre.

Questa dieta va seguita solo per un numero ristretto di giorni(4-5 giorni al massimo) in quanto è povera di micronutrienti e fibre.

 

Esempio di dieta giornaliera per le persone con la diarrea

Colazione

300 ml di succo di mela biologico non pastorizzato

Pranzo

80 grammi di riso in bianco con un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva

Merenda

Un pacchetto di crackers

Cena 

3 albumi e una patata lessa

Quanto tempo dovresti aspettare per mangiare dopo la diarrea?

Dovresti essere in grado di iniziare a seguire una dieta più regolare, inclusa frutta e verdura, entro circa 24-48 ore dal vomito o dalla diarrea

Cosa fare per fermare il vomito?

Solitamente il vomito è causato dalla nausea, e quindi per bloccare questo processo evacuativo occorre eliminare il nostro senso di nausea.

 

Migliori rimedi naturali contro il vomito

La natura ci offre moltissime piante e oli essenziali che possono far cessare i conati di vomito, come:

  • l’olio essenziale di menta piperita
  • tisana allo zenzero e limone

Versa due gocce di olio essenziale di menta piperita sotto la lingua.

Questo rimedio naturale contrasta efficacemente la nausea e i conati di vomito, infatti, la menta piperita è una pianta conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà distensive e tonificanti che placano le contrazioni addominali del tratto digestivo.

Lo zenzero e il limone sono due sostanze che in sinergia contrastano efficacemente il vomito causato dall’indigestione alimentare e da problemi gastrointestinali.

Migliori integratori per i soggetti con vomito e diarrea

In caso di vomito o diarrea ci sono due integratori che sono di vitale importanza per favorire la salute dell’organismo:

  • probiotici
  • multivitaminico

Questi due integratori servono a ristabilire una corretta flora batterica e a reintegrare le vitamine e minerali persi tramite le scariche diarroiche e i conati di vomito

 

Cause di diarrea e vomito

 

  • Batteri, parassiti, virus 
  • Intossicazione alimentare, ad esempio da alimenti conservati in modo improprio
  • Consumo di cibi, bevande o farmaci irritanti
  • Gravidanza 
  • Mangiare troppo o bere troppo (soprattutto alcol)
  • Stress e ansia 👉L’ansia ti fa credere cose non vere
  • Recentemente prendendo antibiotici

Quando chiamare un dottore?

 

Chiama per assistenza medica se:

  • Non riesci a trattenere liquidi o cibo per più di 24 ore
  • Hai febbre (101 ° F o 38,3 ° C o superiore) con dolore addominale (può includere diarrea, vomito, nausea)
  • Hai la diarrea per più di 3 giorni o senza miglioramento graduale per 5 giorni
  • Hai segni di disidratazione, ad esempio vertigini, diminuzione della minzione (nessuna minzione almeno ogni 8 ore) o grave affaticamento
  • Hai preso antibiotici di recente
  • Hai la diarrea sanguinolenta
  • Hai dolore addominale che non è alleviato da vomito e / o diarrea (ovvero, il dolore addominale non è correlato a episodi di vomito o diarrea)
  • Soffri di diabete insulino-dipendente  e  soffri di vomito, diarrea o nausea
  • Recentemente ti sei recato in un paese che presenta un rischio per la salute

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona