>

Temperatura corporea a 35 gradi, colpa della tiroide?

Ti sei appena misurato la temperatura corporea, e hai notato con stupore che il termometro segnava 35 gradi? Una temperatura basale bassa può dipendere da una tiroide ipofunzionante? Scopriamolo in questo articolo!

 

Il corpo mantiene la sua temperatura sfruttando due strategie ben distinte. Un metodo prevede la produzione di calore, e l’altro comporta la dissipazione del calore. La produzione di calore avviene come sottoprodotto del processo del metabolismo.

 Il metabolismo è il processo in cui il cibo viene convertito in energia sfruttando l’ossigeno e i catalizzatori presenti nel corpo.  L’energia è necessaria per tutte le attività del corpo, indipendentemente dal fatto che siano involontarie o, volontarie  (respirare, salire le scale, leggere ecc..). Durante la reazione chimica associata al metabolismo viene prodotto anche il calore. Il calore prodotto viene quindi trasportato nel corpo attraverso il sangue. Il sangue gioca un ruolo fondamentale nel trasferimento di calore. Quando il corpo è freddo, la circolazione sanguigna rallenta in modo che il calore possa essere mantenuto al centro del corpo. (Ecco perchè d’inverno abbiamo sempre i piedi e le mani congelate)

 La dissipazione del calore avviene esattamente al contrario. I vasi sanguigni si dilatano per consentire al sangue caldo di diffondersi più vicino alla superficie della pelle. Da questa superficie, il calore si disperde nell’atmosfera. Questo processo è ulteriormente accelerato dal sudore che evapora, provocando il raffreddamento. (Ecco come l’organismo riesce ad eliminare l’eccesso di calore dal corpo)

Che relazione c'è tra la bassa temperatura del corpo e l'ipotiroidismo?

. La ghiandola tiroidea, situata nella gola, controlla il processo del metabolismo. Quando la ghiandola funziona lentamente, rallenta il metabolismo. Questo è il motivo per cui la bassa temperatura corporea e l’ipotiroidismo sono condizioni che si verificano insieme. Una persona che soffre di bassa temperatura corporea e ipotiroidismo sentirà sempre freddo.

 Non sempre una temperatura basale di 35 gradi è imputabile ad una funzionalità tiroidea ridotta, infatti, ci sono soggetti che possiedono una temperatura di 35 gradi senza avere nessuna problematica legata all’ipotiroidismo. Allora come facciamo a sapere se la nostra condizione dipende da un malfunzionamento della ghiandola tiroidea? Oltre alla temperatura bassa, ci sono altri sintomi che possono aiutarci nella diagnosi di ipotiroidismo.

Quali sono i sintomi dell'ipotiroidismo?

Un soggetto con bassi livelli di ormoni tiroidei può presentare molti sintomi premonitori della patologia, tra cui:

  • Stanchezza immotivata: Un soggetto con una funzionalità tiroidea ridotta può soffrire di vitalità ridotta, e presenza di affaticamento, indipendentemente dallo stile di vita che segue.
  • Aumento di peso: Gli ormoni tiroidei aiutano il corpo a smaltire l’energia accumulata durante i pasti, ma in assenza di questi ormoni, i soggetti ipotiroidei possono sperimentare un aumento di peso, che può tradursi in problemi metabolici, come il diabete, e l’obesità).
  • Dolori articolari
  • Umore nero, ansia cronica, apatia, e mancanza di motivazione nel portare a termine i progetti, e rischio accentuato di soffrire di depressione.
  • sensazione costante di freddo. Nota bene: Anche le persone anemiche o con problemi di circolazione sanguigna possono soffrire di ipotermia, senza avere problemi alla tiroide.
  • costipazione: Un soggetto ipotiroideo può soffrire di stipsi, mentre un soggetto ipertiroideo può soffrire di diarrea. Oltre a regolare il metabolismo, gli ormoni tiroidei regolano il transito intestinale, e nei soggetti con ipotiroidismo, la possibilità di soffrire di feci dure e problemi evacuativi è molto alta.
  • Bradicardia: Le persone con ipotiroidismo possono soffrire di battito cardiaco basso.

Se oltre alla temperatura bassa, soffri anche di uno o più sintomi descritti sopra è molto probabile che tu abbia una ipofunzione alla tiroide.

Esiste un test per poter confermare l'ipotiroidismo?

 

Per effettuare questo test, denominato test della temperatura basale di Barnes occorre prendere la temperatura del soggetto a riposo, al fine di avere risultati più accurati possibili. In questo modo è possibile capire se il soggetto soffre di uno stato ipometabolico, normale  o ipermetabolico. ( Se prendessimo la misura dopo soli 30 minuti di esercizio fisico il risultato sarebbe palesemente falsato).

Questo test fu ideato dal Dr. Broda Barnes, un endocrinologo specializzato nel trattare i problemi dei soggetti con ipotiroidismo. 

Prima di poter prendere la temperatura dal paziente, occorre che il soggetto, sia in completo riposo almeno da 12 ore. 

La mattina al risveglio, come prima cosa, senza fare nessun movimento, prendi un termometro e inseriscilo sotto l’ascella. Aspetta 5 minuti e annota la temperatura su un foglio di carta.

Esegui la stessa procedura per almeno tre giorni consecutivi. La temperatura dovrebbe oscillare tra i 36,5 e i 36,8 gradi centigradi. Valori più bassi come 35, o 35,5 possono indicare un ipofunzionamento della tiroide. Più il valore si discosta dai valori presi come riferimento, e più la patologia potrebbe essere grave.

 

Come alzare la temperatura corporea in modo naturale?

Ci sono alcune strategie che puoi mettere in atto per aumentare gli ormoni tiroidei, ed eliminare il problema dell’ipotiroidismo.

Pratica esercizio fisico

Praticare esercizio fisico, oltre a stimolare la produzione degli ormoni tiroidei e surrenali, aumenta il consumo di grassi, il metabolismo e la temperatura corporea. Per favorire l’equilibrio ormonale pratica la corsa almeno 3 volte a settimana per 30 minuti.

Le persone sedentarie sono molto più freddolose degli sportivi.

Segui una dieta "riscaldante"

Ogni soggetto è diverso da un altro, lo sa bene l’ayurveda, che cataloga i soggetti in tre tipologie diverse, vata, pitta e kapha. Solitamente i tipi più freddolosi sono le persone kapha, solitamente soggetti (calmi, buoni, affidabili, pigri, sedentari, freddolosi e ipotiroidei) che fanno molta fatica a dimagrire, tipologia tipicamente femminile. Al contrario della tipologia pitta (magro, caloroso, irascibile, collerico, ipertiroideo) , rappresentato maggiormente dalla popolazione maschile.

L’ayurveda ci insegna che per eliminare le patologie occorre trovare un giusto equilibrio . Una persona freddolosa deve seguire una dieta riscaldante, e quindi basare la propria alimentazione su minestroni, verdure cotte, e fare largo uso di spezie, come il peperoncino e lo zenzero.

Massaggiati il collo

Per stimolare la produzione naturale degli ormoni tiroidei massaggiati il collo. Aumentare la circolazione sanguigna di questa area del corpo aumenta le funzionalità della tiroide.

Consuma integratori specifici per aumentare la funzionalità della tiroide

Thyrolin è un integratore naturale creato appositamente per i soggetti con problemi di  ipofunzionamento della tiroide.

I suoi 13 ingredienti naturali favoriscono la produzione degli ormoni tiroidei. Questo preparato naturale migliora la digestione, e tutto il processo metabolico, facilitando la perdita di peso.

Domande più frequenti

Quali sono le consenguenze dell’ipotiroidismo?

Ansia, costipazione, stanchezza, malessere generale, risposta immunitaria debole, metabolismo lento, sensazione costante di freddo, e possibile aumento di peso corporeo.

Cosa succede se ho la temperatura corporea bassa?

Potresti avere frequenza cardiaca bassa a riposo, soffrire di tremori, stati confusionali, ipotensione, dilatazione delle papille oculari, e difficoltà nel conversare.

Quanto deve essere la temperatura corporea di un adulto?

Solitamente tra i 36,4 e i 36,7.

Soffro sempre di temperatura bassa intorno ai 35,5; potrebbe essere colpa della tiroide?

Si, la sensazione continua di freddo, e la temperatura corporea bassa potrebbe dipendere da un malfunzionamento tiroideo, ma non è sempre detto. Potrebbe trattarsi anche di anemia, o di altre patologie. In presenza di temperatura bassa o sensazione di freddo continuo il mio consiglio è quello di consultare un medico specializzato.

 

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona. Biologa, diplomata all'I.T.I.S Mattei