IL PORTALE DEL BENESSERE

La salute è come il denaro, non abbiamo mai una vera idea del suo valore fino a quando la perdiamo. Josh Billings

salute

Fuoco di Sant’Antonio senza eruzione cutanea|Esiste davvero ?

Il fuoco di Sant’Antonio è una patologia che può manifestarsi anche senza la presenza di nessuna eruzione cutanea o sfogo sulla pelle?

Si , in particolari casi l’herpes zoster- detto anche Fuoco di Sant’Antonio – può manifestarsi sulla pelle anche in assenza di eruzioni cutanee. 

In queste condizioni è molto difficile eseguire la diagnosi di questa malattia in quanto non sono presenti i classici sintomi cutanei che contraddistinguono questa malattia della pelle.

L’herpes zoster è un’infezione virale causata dallo stesso virus responsabile della varicella . Questo particolare virus rimane dormiente nel corpo a tempo indefinito dopo aver contratto da bambino o adulto la “classica varicella”.

In condizioni particolari di stress questo virus dormiente può ricomparire e scatenare sfoghi cutanei, e nel caso del Fuoco di Sant’Antonio senza eruzione cutanea, può esordire senza mostrare alcuna lesione sulla pelle.

Scopriamo più dettagliatamente come si manifesta, i sintomi e come possiamo diagnosticare e curare questa patologia priva di  sfoghi cutanei.

Come riconoscere i sintomi del Fuoco di Sant'Antonio senza eruzione cutanea ?- Sintomi iniziali

CONTENUTI

I sintomi che presentano i soggetti con il Fuoco di Sant’antonio senza eruzioni cutanee sono molto simili alla sintomatologia classica dell’herpes zoster.

Fra i sintomi iniziali della malattia possiamo riscontrare :

fuoco di sant'antonio senza eruzione cutanea

Cosa provoca l'herpes zoster ?

I dottori ad oggi non conoscono il reale meccanismo che permette la riattivazione di questa patologia della pelle.

Solitamente un sistema immunitario debole ed affaticato favorisce la riattivazione di questo virus dormiente .

Le persone più a rischio sono :

  • i soggetti anziani
  • i soggetti costantemente sotto stress psico-fisico : 👉Clicca qui per scoprire  se il Fuoco di Sant’Antonio può dipendere da fattori psicosomatici 
  • i soggetti con presenza di altre malattie in corso 

L’herpes zoster non è una patologia contagiosa . Al massimo puoi passare il virus della varicella ad un soggetto che non ha mai avuto questa patologia. 

Per attaccare il Fuoco di Sant’Antonio ad un’altra persona, occorre che entri direttamente in contatto con il liquido presente nelle vescicole, cosa assai rara.

Per eliminare anche questa minima possibilità, durante il decorso della patologia cerca di evitare il contatto fisico con le donne in gravidanza, in menopausa o persone che presentano un sistema immunitario deficitario.

Appurato che il contagio può avvenire solamente entrando in contatto diretto con il liquido presente nelle vescicole, possiamo affermare con assoluta certezza che i soggetti con il Fuoco di Sant’Antonio, non avendo nessuna eruzione cutanea, sono impossibilitati a trasmettere questa malattia alle altre persone.

Che esami fare per diagnosticate il Fuoco di Sant'Antonio senza nessun sfogo cutaneo ?

Diagnosticare l’herpes zoster senza nessuna eruzione cutanea non è affatto semplice, poichè le persone che presentano questa patologia senza avere le eruzioni cutanee possono presentare alcuni sintomi, tuttavia sono sintomi comuni ad altre patologie.

Per avere la certezza della diagnosi, bisogna che il soggetto effettui alcuni test come l’analisi del sangue o della saliva per poter identificare gli anticorpi della patologia all’interno dei fluidi corporei.

Questi test possono essere inconcludenti o poco precisi, infatti non è raro che il dottore possa fare la diagnosi di questa patologia ponendo alcune domande al paziente per scoprire il suo livello di stress.

Cosa fare se credi di avere il Fuoco di Sant'Antonio senza eruzione cutanea ?

Se credi di avere l’herpes zoster, contatta immediatamente il tuo dottore per fare tutti i dovuti accertamenti.

In presenza di questa patologia cutanea, il dottore ti prescriverà un medicinale che possa diminuire il dolore percepito.

Questa malattia della pelle ha una durata 3- 7 settimane .

Se il dolore persiste anche dopo la guarigione, siamo davanti ad una complicanza della patologia che prende il nome di nevralgia post erpetica.

A differenza della classica patologia , in presenza dell’herpes zoster senza lesioni cutanee puoi lavarti senza dover seguire nessun accorgimento particolare.

Rimedi omeopatici

Adesso ti elencherò i migliori rimedi naturali per curare il Fuoco di Sant’Antonio

UTILIZZA LE BORSE DEL GHIACCIO: Il ghiaccio è davvero un toccasana per ridurre il dolore e l’infiammazione delle patologie cutanee di natura infiammatoria. Nota bene : Non mettere mai il ghiaccio a diretto contatto con la pelle, ma utilizza sempre un asciugamano o un pezzo di stoffa per fare da divisorio. Per rinfrescare la zona velocemente potresti optare per utilizzare delle borse in gel del ghiaccio subito pronte all’uso.

UTILIZZA L’ALOE VERA: questa pianta è un rinforzante naturale del sistema immunitario, che alcalinizza e riduce l’infiammazione del corpo. Nell’organismo funge da vero e proprio antibiotico naturale.

CONSUMA UN MULTIVITAMINICO: In presenza di Fuoco di Sant’Antonio l’organismo ha bisogno di aumentare le proprie barriere immunitarie. Purtroppo, nella maggioranza dei casi Il Fuoco di Sant0antonio colpisce persone indebolite caratterizzate da una debolezza del sistema immunitario. In questo caso è altamente consigliabile utilizzare un buon multivitaminico in grado di aumentare l’energia e le difese immunitarie.

MIGLIOR MULTIVITAMINICO IN COMMERCIO

Questi rimedi naturali sono utilizzati da millenni dalla medicina naturale cinese per migliorare la risposta immunitaria dei soggetti deboli e macilenti.

Oltre ad utilizzare rimedi fitoterapici, bisogna dormire bene, consumare una dieta sana ed equilibrata, oltre a fare esercizio fisico durante la giornata.

Quali alimenti è meglio evitare?

Gli alimenti da evitare assolutamente nei pazienti affetti dal Fuoco di Sant’Antonio sono tutti i cibi che hanno al loro interno grandi quantità di arginina, un amminoacido che facilita la replicazione del virus.

Gli alimenti da eliminare momentaneamente dalla dieta sono :

  • frutta secca
  • legumi

👉 Clicca qui per scoprire gli alimenti concessi, quali evitare ed un esempio di dieta quotidiana da seguire per i pazienti con l’herpes zoster

cibi da evitare fuoco di sant'antonio

Considerazioni finali

Adesso conosci tutte le migliori strategie naturali per guarire dal Fuoco di Sant’Antonio senza eruzione cutanea.

Per qualsiasi domanda o chiarimento mandami un messaggio sul modulo contatti, ti risponderò molto volentieri!

Qualora l’articolo ti fosse piaciuto condividilo!

VUOI FARE UNA DOMANDA, DESCRIVERE LA TUA ESPERIENZA O SEMPLICEMENTE SCRIVERE UN TUO PENSIERO? SOTTO TROVI IL MODULO DEI COMMENTI!

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona. Biologa, diplomata all'I.T.I.S Mattei

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *