>

Rimedi della nonna contro infiammazione intestinale

In questo articolo scoprirai i migliori rimedi della nonna contro l’infiammazione intestinale.

I disturbi gastrointestinali sono le problematiche che affliggono maggiormente le persone in tutto il mondo, infatti ne sono afflitte quasi un terzo della popolazione mondiale. 

Lo sbaglio commesso da molte persone è quello di abusare di farmaci antinfiammatori, che sebbene possano aiutare nel breve periodo, nel lungo periodo possono intossicare l’organismo.

Flatulenza, colon irritabile, diarrea, costipazione, reflusso acido e pancia eccessivamente gonfia sono tutti sintomi che possono presagire un’infiammazione intestinale.

L’infiammazione intestinale può essere un disturbo causato principalmente da stress o ansia eccessiva, come nel caso della sindrome del colon irritabile, oppure dipendere da dieta sbilanciata, dispepsia ecc..

Non sto dicendo che i medicinali debbano essere evitati quando siamo di fronte a problematiche intestinali, tuttavia dovrebbero essere utilizzati solo in casi realmente necessari, e non usati per ogni piccolo problema.

L’infiammazione è la reazione dell’organismo a stimoli dannosi. Quando il corpo è di fronte ad un pericolo vengono rilasciate nel flusso sanguigno sostanze messaggere, che hanno lo scopo di attirare le cellule immunitarie. 

Quando l’infiammazione si verifica nel tratto intestinale, è presente un infiammazione intestinale che colpisce la mucosa (questo è lo strato che riveste l’interno della parete intestinale).

Le cellule della mucosa sono costantemente esposte a stimoli esterni, come batteri, virus, funghi o altri intrusi, che innescano la risposta dell’organismo causando l’infiammazione, che in alcuni casi può essere eccessivamente forte.

Quando il processo infiammatorio diventa eccessivamente forte possiamo utilizzare rimedi naturali antinfiammatori ideali per ridurre il processo infiammatorio in atto.

Quali sono le cause dell'infiammazione intestinale?

Sono molte le cause associate all’infiammazione intestinale, e includono:

  • Alterazioni della flora batterica: Studi hanno dimostrato, che un eccesso di batteri patogeni nel microbiota intestinale, favorisce la comparsa di moltissime condizioni infiammatorie, come ad esempio il morbo di Crohn
  • Stress ed ansia: La sindrome del colon irritabile è una patologia causata da un eccesso di emozioni negative (stress, ansia, paura, rabbia) che colpisce un particolare tratto di intestino crasso, noto come colon. Si differisce dalle altre patologie infiammatorie, come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, poiché non sono presenti anomalie sulla mucosa intestinale.
  • Presenza di agenti patogeni, come virus che possono causare i classici sintomi da intossicazione, come dissenteria, scariche diarroiche, flatulenza, malessere generalizzato ecc.. La gastroenterite è una situazione che perdura solitamente per un massimo di due settimane.
  • Malattie autoimmuni: In certi casi, il sistema immunitario attacca sia gli agenti indesiderati, che le cellule sane dell’organismo. In questo caso si parla di malattie autoimmuni. Il morbo di Crohn e la colite ulcerosa sono due patologie intestinali di origine autoimmune.
I sintomi più comuni associati all”infiammazione intestinale sono:
  1. gonfiore addominale
  2. costipazione o diarrea
  3. meteorismo
  4. pancia eccessivamente gonfia
  5. dolore addominale
  6. feci maleodoranti 
  7. muco nelle feci

Migliori rimedi della nonna contro l'infiammazione intestinale

Prima di scoprire i migliori rimedi della nonna contro l’intestino infiammato, dobbiamo necessariamente apportare modifiche all’alimentazione.

Consuma una dieta sana ricca di frutta, verdura, cereali integrali, legumi, frutta secca, carne bianca, pesce, olio extra vergine d’oliva, uova, spezie, erbe aromatiche, tisane, acqua ed estratti di frutta e verdura.

Pratica il massaggio addominale

Un ottimo rimedio della nonna per ridurre l’infiammazione intestinale è quello di massaggiarsi l’addome per almeno 15 minuti al giorno.

Inizialmente affonda dolcemente le dita nell’addome, cercando di sentire le zone più doloranti e dure.

Una volta trovate, soffermati su queste zone per ridurre il dolore e la loro durezza.

Si consiglia di praticare il massaggio con un buon olio antinfiammatorio, come l’olio di arnica e artiglio del diavolo, sostanze naturali fortemente antinfiammatorie utilizzate per trattare patologie, come l’artrite o le tendiniti.

Si consiglia di praticare il massaggio addominale 15 minuti al giorno la mattina appena svegli.

Pratica la meditazione

Una delle cause più comuni di infiammazione intestinale deriva da un eccesso di stress, che riduce le difese immunitarie dell’organismo.

Inoltre, la meditazione è una pratica energetica che migliora la salute globale del corpo, poiché studi hanno dimostrato che questa pratica naturale, riduce l’infiammazione, migliora le funzioni digestive, e soprattutto migliora l’energia e il buon umore.

👉 Clicca qui per imparare a praticare la meditazione minduflness

Migliori integratori antinfiammatori

Oltre a questi accorgimenti, puoi assumere prodotti naturali specifici per il buon funzionamento gastrointestinale.

I più adatti per il nostro scopo sono:

  • Aloe vera
  • Menta piperita
  • Probiotici

Aloe vera

L’aloe vera viene principalmente consumata sotto forma di succo ed è molto utile per ridurre e curare i sintomi legati all’intestino infiammato. Ingerita sotto forma di succo crea una patina protettiva che sfiamma la mucosa intestinale. È utilizzato anche come un ottimo depurativo dell’organismo.

Infuso alla Menta piperita

La menta piperita è molto ricca di sostanze molto benefiche per l’organismo e soprattutto per la salute dell’intero apparato digerente.

Queste sostanze agiscono rivestendo la mucosa intestinale con uno strato vischioso proteggendolo dagli agenti esterni. Per questo, la menta piperita è una sostanza ideale per trattare problemi legati all’infiammazione intestinale.

Assumi un buon probiotico

Numerosi studi hanno rilevato che i soggetti con problematiche intestinali presentano nella maggioranza dei casi(85%) un eccesso di batteri patogeni ( Escherichia Coli, Clostridium), e un quantitativo basso di batteri buoni ( LActobacillus e Bifidibacterium). 

Un eccesso di batteri patogeni aumenta l’infiammazione, peggiorando tutti i processi digestivi.

Per ristabilire il giusto equilibrio nell’intestino ti consiglio di consumare un buon probiotico che sia gastroresistente.

Domande più frequenti

Cosa bere per sfiammare il colon?

Si consiglia di bere succo di aloe vera.

Cosa devo mangiare quando ho l’intestino infiammato?

  • frutta dolce
  • verdura
  • estratti di frutta e verdura
  • cereali integrali poveri di glutine, come il riso integrale
  • carne bianca
  • pesce
Come capire se il colon è infiammato?
Hai il colon infiammato se fra i tuoi sintomi sono presenti diarrea, costipazione, distensione addominale, muco nelle feci o crampi addominali
Come fare per rilassare l’intestino?
  • Pratica il massaggio addominale
  • Ridi
  • Pratica la meditazione
  • Fai esercizio fisico, come la corsa, il nuoto

L’importante è non stressarsi o arrabbiarti eccessivamente.

Quali sono i migliori rimedi della nonna per l’infiammazione intestinale?

  1. massaggio addominale
  2. meditazione

Quali cibi evitare se ho l’intestino infiammato?

Si consiglia di evitare tutti quei cibi che aumentano l’infiammazione, come i cibi grassi, ricchi di sale o zuccheri, come la pizza, il fast food, il kebab, le bibite gassate, i dolci, le patatine, il gelato ecc..

Qual è il miglior disinfettante intestinale naturale?

Il miglior antinfiammatorio intestinale naturale è:

 

Articoli correlati

Limone e colon irritabile

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona. Biologa, diplomata all'I.T.I.S Mattei