IL PORTALE DEL BENESSERE

La salute è come il denaro, non abbiamo mai una vera idea del suo valore fino a quando la perdiamo. Josh Billings

salute

Paura del D-dimero alto: Ecco tutto quello che devi sapere

Paura del D-dimero alto: ecco tutto quello che devi sapere!

Il D-dimero è una proteina presente nel sangue, si forma quando un coagulo di sangue subisce il processo di degradazione. La presenza di questa proteina nel sangue indica che vi è stata recentemente una coagulazione, seguita da una successiva lisi, o rottura, del coagulo.

Il fibrinogeno è una proteina coinvolta nella formazione dei coaguli di sangue. Quando c’è una lesione nei vasi sanguigni, il fibrinogeno viene convertito in fibrina, che forma una “rete” per trattenere le piastrine e altri componenti del sangue, formando così un coagulo. Successivamente, quando il coagulo non è più necessario, il corpo inizia un processo chiamato fibrinolisi. Durante questo processo, la fibrina nel coagulo viene spezzata e uno dei prodotti che si forma è appunto il D-dimero. Pertanto, misurare i livelli di D-dimero può aiutare i medici a determinare se c’è stata recentemente una coagulazione e lisi nel corpo.

Valori normali e range di riferimento

CONTENUTI

In generale, un livello di D-dimero inferiore a 500 ng/mL è considerato normale. Tuttavia, va notato che i livelli possono aumentare con l’età, quindi ciò che è “normale” per una persona giovane potrebbe essere diverso da ciò che è “normale” per una persona più anziana.

I valori elevati di d-dimero possono indicare la presenza di un coagulo di sangue in una vena o un’arteria. Ma ci sono anche altre condizioni che possono causare un aumento del D-dimero, come la gravidanza, recenti interventi chirurgici o traumi.

È essenziale interpretare i risultati del D-dimero nel contesto delle condizioni individuali di ogni paziente. Ad esempio, un leggero aumento dei livelli di D-dimero potrebbe non essere un fatto preoccupante per qualcuno che si è sottoposto recentemente ad un intervento chirurgico, ma potrebbe essere motivo di preoccupazione per qualcun altro che ha sintomi di trombosi e non ha subito nessuna operazione.

Pertanto, se ti è stato riferito di avere un D-dimero alto o se sei preda dell’ansia a causa dei tuoi risultati, è fondamentale consultare il tuo medico per una valutazione più completa.

👉 Leggi le testimonianze di chi ha sconfitto l’ansia

Perché il d-dimero alto fa paura?

La paura e l’ansia associate al risultato di un D-dimero alto derivano principalmente dalla consapevolezza che elevati livelli di questa proteina possono essere associati a diverse condizioni mediche, talvolta molto gravi. Il D-dimero, essendo un marker della coagulazione può indicare potenziali problemi legati alla coagulazione sanguigna.

Le malattie tromboemboliche rappresentano un gruppo di disturbi in cui si verifica la formazione di coaguli di sangue in vasi sanguigni, che possono successivamente trasportarsi ad altre parti del corpo, causando ostruzioni. Due delle più note e temute sono la trombosi venosa profonda (TVP) e l’embolia polmonare.

La TVP si verifica quando un coagulo di sangue si forma in una delle vene profonde del corpo, solitamente nelle gambe. Questi coaguli possono causare sintomi come gonfiore, dolore e arrossamento nella zona interessata. C’è il rischio che un coagulo possa staccarsi e viaggiare fino ai polmoni, causando un’embolia polmonare, una condizione potenzialmente fatale.

Se si sospetta di avere una di queste condizioni, è di vitale importanza sottoporsi ad ulteriori esami diagnostici, come l’ecografia Doppler, per confermare la diagnosi e iniziare una terapia anticoagulante appropriata.

Un D-dimero alto non indica direttamente la presenza di coaguli, ma indica piuttosto che il corpo ha recentemente formato e successivamente rotto un coagulo. Questa consapevolezza spesso genera preoccupazione nelle persone, poiché la presenza di coaguli di sangue non diagnosticati può portare a complicazioni gravi, come embolia polmonare o ictus.

Altre condizioni associate a un d-dimero elevato

Oltre alle malattie tromboemboliche, ci sono molte altre condizioni che possono causare un D-dimero alto. Queste includono chirurgia recente, traumi, infiammazione, certe forme di tumore, gravidanza, forte stress, nonché l’età avanzata. Anche le infezioni gravi o alcune malattie autoimmuni possono portare ad un forte aumento dei livelli di D-dimero nel sangue.

Anche se raro, alcuni pazienti possono avere concentrazioni alte di d-dimero senza una causa apparente. In questi casi, il medico può consigliare ulteriori monitoraggi o test per assicurarsi che non ci siano altre condizioni sottostanti, ancora non rilevati.

Risponde l’esperto

Domanda: Ho scoperto di avere il d-dimero elevato, ho veramente paura che possa trattarsi di qualche patologia grave.

Risposta: Comprendo pienamente la sua preoccupazione. La concentrazione alta di d-dimero può effettivamente essere associata a vari processi patologici, tra cui le malattie tromboemboliche. Tuttavia, un valore elevato di d-dimero non è di per sé una diagnosi, ma indica la necessità di ulteriori esami diagnostici. Ti suggerisco di sottoporti ad un’ecografia Doppler delle vene degli arti inferiori per escludere la presenza di una trombosi venosa profonda.

Domanda: Ho il D-dimero altissimo. Ho molta paura che possa essere a causa di embolia, ictus o trombosi.

Risposta: La tua apprensione è comprensibile. Valori elevati di d-dimero possono essere associati a condizioni come trombosi venosa profonda (TVP), embolia polmonare e altri rischi cardiovascolari. La presenza di sintomi di trombosi, come dolore o gonfiore a una gamba, o difficoltà respiratorie, può essere correlata a queste condizioni. In presenza di tali sintomi e/o di un D-dimero molto elevato, è importante sottoporsi ad ulteriori esami, come un’ecografia Doppler, per valutare la presenza di eventuali coaguli. Se sospetti un’embolia polmonare, una TAC angio-toracica potrebbe essere raccomandata

Domanda: Ho scoperto di avere valori elevati di d-dimero e adesso soffro di forte ansia

Risposta: È fondamentale ricordare che il D-dimero può aumentare per differenti ragioni, non solo a causa di malattie gravi, quindi è inutile farsi prendere dal panico. Infiammazioni, traumi o anche alcune terapie anticoagulanti possono portare ad un forte aumento del D-dimero. Pertanto, è essenziale consultare un medico per discutere i risultati degli esami del sangue e capire con lui la strada migliore da intraprendere.

Domanda: Elevati livelli di d-dimero e preoccupazione alle stelle che possa trattarsi di qualche problema cardiaco.

Risposta: Capisco il suo timore. È vero che una concentrazione alta di d-dimero può indicare la presenza di coaguli di sangue, che a loro volta possono aumentare il rischio di disturbi cardiaci. Tuttavia, senza ulteriori esami è inutile preoccuparsi. Se sei particolarmente preoccupato per il tuo cuore, è fondamentale discutere questo con il suo medico e, se necessario, effettuare ulteriori esami per escludere o confermare eventuali problemi cardiaci.

preoccupazione d dimero test

Quali sono i rischi di avere il d-dimero alto? Cosa dicono gli studi scientifici a riguardo?

Questa ricerca scientifica ha cercato di identificare le cause più comuni associate a livelli elevati di d-dimero nel sangue. Nello specifico hanno valutato le persone che presentavano nel sangue valori di d-dimero superiori a 5000 mg/ml e valori ancora più elevati – superiori a 15 000 ng/ml -.

Gli autori dello studio hanno analizzato i dati medici di persone ricoverate in un periodo di 4 anni che avevano valori di D-dimero superiori a 5.000 ng/mL. Hanno cercato di vedere quali condizioni mediche avevano queste persone: coaguli nelle vene, tumori, infezioni gravi come la sepsi, polmoniti, altre infezioni, sanguinamenti o traumi.

Dai risultati, è emerso che la condizione più comune nelle persone con valori di D-dimero molto alti era la tromboembolia venosa, seguita da tumori e polmoniti. In alcuni casi, però, non si è riusciti a capire il motivo perché il D-dimero fosse così alto nel sangue.

Un altro dato importante emerso dalla ricerca è che le persone con valori di D-dimero molto, molto alti (superiori a 15.000 ng/mL) avevano un alto rischio di morire. Questo suggerisce che un valore molto alto di D-dimero nel sangue può indicare la presenza di problemi di salute gravi.

L’obiettivo di quest’altro studio scientifico era di capire se, guardando i livelli di D-dimero nel sangue, si potesse prevedere chi avrebbe avuto un problema di coaguli in futuro.

Come lo hanno fatto? Gli scienziati hanno analizzato i dati di un grande studio chiamato “Tromsø”, raccolti tra il 1994 e il 2007. Hanno confrontato 414 persone che hanno avuto problemi di coaguli con 843 persone che non ne hanno avuti, tutte della stessa età e sesso. Hanno poi guardato i livelli di D-dimero nel sangue di queste persone, raccolti all’inizio dello studio.

Cosa hanno scoperto? Hanno visto che le persone con livelli più alti di D-dimero avevano una probabilità maggiore di avere problemi di coaguli. Quelli con i livelli più alti avevano una probabilità 1,65 volte maggiore rispetto a quelli con i livelli più bassi. Ma quando hanno considerato anche altri fattori, come il peso corporeo e un altro indicatore di infiammazione (la proteina C-reattiva o CRP), questa probabilità si riduceva un po’.

In conclusione, avere livelli alti di D-dimero nel sangue potrebbe indicare un rischio maggiore di avere problemi di coaguli in futuro. Tuttavia occorre considerare altri fattori, come il peso e lo stato di infiammazione del corpo.

Come gestire la paura associata al d-dimero alto

La paura e l’ansia sono reazioni emotive naturali quando ci si trova di fronte a possibili rischi per la salute, tuttavia, è essenziale approcciare questi sentimenti in modo logico e razionale.

  • Informazione: Conoscere è il primo passo. Capire cosa significhi avere una concentrazione alta di d-dimero e quali siano i reali rischi associati ad esso può aiutare a ridurre la preoccupazione. Ad esempio, sapere che il d-dimero può aumentare anche per cause non gravi come infiammazioni o traumi può essere rassicurante.
  • Consultazione Medica: Non esitate a rivolgervi al vostro medico di fiducia per discutere le cause dei vostri valori elevati di d-dimero e i vostri timori. Il medico può suggerire esami diagnostici, come l’ecografia Doppler, per avere un quadro clinico più chiaro.
  • Pratiche meditative: Tecniche come la meditazione o la respirazione profonda possono aiutare a gestire l’ansia e la paura associata ai risultati degli esami del sangue. Queste pratiche aiutano a centrarsi sul momento presente e a distogliere l’attenzione dai pensieri negativi.
  • Supporto Emotivo: Parlare dei propri timori con amici, familiari o gruppi di supporto può offrire conforto e comprensione. A volte, semplicemente condividere i propri sentimenti può fare un’enorme differenza.

D-dimero alto, come abbassarlo?

Segui questi suggerimenti:

  • Identifica la causa: Prima di tutto, è essenziale comprendere la causa dell’elevata concentrazione di d-dimero. Questo può essere fatto attraverso esami diagnostici e una valutazione medica approfondita.
  • Trattamento delle cause sottostanti: Se la causa dell’aumento del D-dimero è una malattia tromboembolica, come la Trombosi Venosa Profonda (TVP) o l’Embolia Polmonare, la terapia anticoagulante potrebbe essere prescritta per prevenire una peggioramento della situazione.
  • Stile di Vita: La prevenzione è sempre la chiave. Adottare uno stile di vita sano, con una dieta equilibrata ed esercizio regolare può aiutare a ridurre i fattori di rischio legati alla trombosi e, di conseguenza, potrebbe abbassare i livelli di d-dimero.
  • Monitoraggio regolare: Se avete avuto in passato valori elevati di d-dimero, potrebbe essere utile monitorare regolarmente la situazione attraverso esami del sangue periodici, per tenere sotto controllo la situazione e intervenire tempestivamente in caso di necessità.

ARTICOLI CORRELATI

👉 L’ansia è solo un inganno della tua mente!

👉 D dimero a 1400, c’è da preoccuparsi?

 

 

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona. Biologa, diplomata all'I.T.I.S Mattei

Leave a Reply