Con il diabete a 400, si muore?

Con il diabete a 400 si muore? Continua con la lettura dell’articolo per scoprirlo!

Se hai il diabete, è molto importante mantenere i livelli di zucchero nel sangue, o glucosio, entro un intervallo sano.

Ecco perché: se i livelli di glucosio scendono troppo in basso, è possibile che si verifichino sintomi di ipoglicemia, che includono tremori, battito cardiaco accelerato e vertigini.
 
Quando invece i livelli di glucosio aumentano eccessivamente, è possibile sperimentare sintomi di iperglicemia, che possono comprendere bere frequentemente, secchezza del cavo orale, spossatezza, poliuria, forte dimagrimento, disturbi alla vista e stanchezza cronica.
 
In questo caso, potresti sperimentare sia complicazioni nel lungo termine, che nel breve termine come nel caso della chetoacidosi diabetica (DKA), una condizione grave che può causare la morte, come nel caso del diabete a 400.
 
Scopri cosa succede quando i livelli di zucchero nel sangue aumentano eccessivamente, così come le potenziali complicazioni quando i livelli di glicemia superano i 400 milligrammi per decilitro (mg / dL).
 
NOTA BENE: Se il livello di zucchero nel sangue è superiore a 400 (o persistentemente superiore a 240), consulta immediatamente il tuo dottore, mi raccomando, non aspettare!

Secondo le normali linee guida il livello di zucchero nel sangue dovrebbe essere in un range compreso tra 80 e 130 mg/dl prima di un pasto e un livello inferiore ai 180 mg/dl dopo il pasto.

Se i livelli di zucchero nel sangue sono troppo elevati, si possono verificare sintomi come minzione frequente ed aumento della sete.
 
Se non trattata adeguatamente, la glicemia alta può svilupparsi in una complicanza del diabete, che prende il nome di chetoacidosi diabetica.
 
È una condizione che si sviluppa quando il corpo perde la capacità di utilizzare l’insulina utile per trasformare il glucosio in energia.

Senza insulina, il tuo corpo inizia ad abbattere i grassi, innescando la produzione di sostanze chimiche note con il nome di chetoni.

Il tuo corpo non riesce ad ospitare troppi chetoni, e quindi cerca di eliminarli dal corpo attraverso l’urina, tuttavia nel caso in cui l’organismo non riesca ad eliminare prontamente tutti i chetoni, questi possono continuare ad accumularsi nell’organismo, causando la chetoacidosi diabetica.

Quali sono le casue della glicemia alta?

Sono molte le cause e i fattori che possono essere alla base di un eccessivo livello di zucchero nel sangue, tuttavia i pazienti diabetici possono sperimentare l’iperglicemia a causa del fatto che l’insulina non riesce più a regolare correttamente la quantità di glucosio nel flusso sanguigno.

Altre cause che possono aumentare il livello di zucchero nel sangue quando si ha il diabete, sono:

  • Non assumere la giuste dose di insulina o farmaci per il diabete.
  • Assumere pasti troppo ricchi di carboidrati
  • Non fare adeguata attività fisica
  • Essere stressati
  • Assumere farmaci steroidei.

L’iperglicemia può verificarsi anche se non sei diabetico. Le cause più comuni di questi picchi iperglicemici includono:

  • Patologie, come la sindrome di Cushing
  • Patologie pancreatiche, come ad esempio la fibrosi cistica
  • L’assunzione di determinati medicinali, come i diuretici e gli steroidi
  • Consumo di pasti eccessivamente abbondanti e ricchi di zuccheri
  • Inattività fisica
  • Consumare bevande alcoliche
  • Stress ed ansia eccessiva

Con il diabete a 400 si muore?

Si, se non curata immediatamente la glicemia a 400, a 500, a 600 ecc.. può portare alla morte a causa del fatto che questi livelli di glicemia insolitamente elevati possono portare alla chetoacidosi diabetica. 

Sebbene si una complicanza più comunemente associata al diabete di tipo 1, la chetoacidosi diabetica può insorgere anche nei pazienti affetti da diabete di tipo 2.

Se hai il diabete a 400, non esitare, contatta subito il tuo medico, poiché tali valori possono portare a varie complicanze, talvolta mortali.

Con il diabete a 400 e in generale con la glicemia alta possono subentrare altre problematiche gravi come:

  • Danni ai vasi sanguigni
  • Danni renali
  • Danni agli occhi

DANNI AI VASI SANGUIGNI: Quando la glicemia è cronicamente elevata, puoi riportare vari danni ai vasi sanguigni e quindi essere maggiormente a rischio di morire a causa di disturbi cardiovascolari, come infarti, ictus ecc..

Il sangue quando contiene elevate quantità di zucchero è più “gommoso” rispetto al sangue di una persona con livelli di glicemia normali.

Le persone con diabete hanno il doppio delle probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto ai soggetti sani di età corrispondente.

La neuropatia, o danno ai nervi, è un’altra complicanza fastidiosa causata da una condizione di iperglicemia cronica. La neuropatia diabetica può causare sintomi, che possono includere:

  • Intorpidimento
  • Formicolio

Prevenire è meglio che curare! In alcuni casi i danni causati dalla neuropatia diabetica sui nervi possono anche essere irreversibili. 

In conclusione, possiamo affermare che con il diabete a 400 si può morire o riportare gravi danni all’organismo a causa principalmente di:

  • Chetoacidosi diabetica
  • Danni ai vasi sanguigni, che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari
  • Danni ai nervi, a volte irreversibili

Avere il diabete a 400 può causare il coma diabetico? Si muore con questa condizione?

CAUSE DEL COMA DIABETICO

Le principali cause di coma che si verificano nelle persone con diabete sono il risultato di livelli di glucosio nel sangue molto bassi o molto alti.

Le tre cause più comuni di coma nelle persone con diabete sono:

  • Grave ipoglicemia
  • Chetoacidosi diabetica
  • Stato iperglicemico iperosmolare

GRAVE IPOGLICEMIA E COMA

L’ipoglicemia grave (livelli molto bassi di glucosio nel sangue) può portare a perdita di coscienza e coma se non trattata.

Nella maggior parte dei casi il corpo ripristinerà i livelli di zucchero nel sangue alla normalità rilasciando glucagone per aumentare i livelli di zucchero nel sangue.

Il coma è più probabile che si verifichi da bassi livelli di glucosio nel sangue se:

  • Viene assunto un grande sovradosaggio di insulina
  • L’alcol è nel corpo durante l’ipoglicemia
  • L’esercizio fisico ha esaurito l’apporto di glicogeno del corpo

CHETOACIDOSI DIABETICA E COMA

La chetoacidosi diabetica è uno stato pericoloso che prevede un forte stato di iperglicemia unito ad un forte accumulo di chetoni nell’organismo.

La chetoacidosi è in grado di verificarsi se il corpo esaurisce l’insulina ed è quindi un fattore di cui le persone con diabete di tipo 1 devono essere consapevoli.

L’insulina può prevenire l’aumento dei livelli di chetoni e questo è il motivo principale per cui si consiglia alle persone con diabete di non dimenticarsi mai di sottoporsi ad iniezioni di insulina.

I sintomi della chetoacidosi includono nausea, vomito, disidratazione, disorientamento, nonché respirazione toracica ed affannosa.

Se qualcuno con diabete sta mostrando questi sintomi, chiama immediatamente il tuo dottore poiché potrebbe causare perdita di coscienza e coma.

COMA IPEROSMOLARE NON CHETOTICO

Nel diabete di tipo 2, i livelli di insulina nel corpo aiutano a ridurre i livelli di chetoni. Tuttavia, a livelli molto elevati di glucosio nel sangue (tipicamente superiori a 33 mmol / L) può svilupparsi una condizione pericolosa chiamata stato iperglicemico iperosmolare (HHS).

Periodi di malattia o la mancata assunzione di farmaci per il diabete può portare a sviluppare questa condizione, talvolta mortale.

Diabete a 400, cosa posso fare?

Quando il livello di zucchero nel sangue è a 400 mg / dL  è necessario mantenere la calma!

Il primo passo è lavarsi le mani e utilizzare il monitor della glicemia per ricontrollare e verificare il risultato.

Se la seconda lettura è ancora alta, chiamare immediatamente il tuo dottore.

Oltre a ciò, ci sono altre strategie che puoi fare per ridurre la glicemia.

ASSUMI FARMACI O INSULINA SE NECESSARIO

Se ti accorgi spesso di dimenticare di assumere farmaci, prova ad impostare una sveglia sul telefono che ti ricordi di prendere i tuoi medicinali. 

CERCA DI CAMMINARE IN MODO LENTO E TRANQUILLO

Quando hai livelli alti di glicemia, una camminata leggera può aiutare ad abbassare i livelli di glicemia più velocemente. Basta non esagerare con l’intensità! 

L’esercizio fisico aumenta la sensibilità all’insulina e aiuta il glucosio a entrare nelle cellule.

Anche praticare le respirazioni lente e profonde con il diaframma e meditare possono aiutare a ridurre più velocemente il picco insulinico a causa del fatto che sono attività che migliorano il rilassamento, fattore che promuove un abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue.

Anche bere l’acqua o una tisana alle erbe dalle proprietà ipoglicemizzanti può aiutarti a migliorare la tua condizione di iperglicemia. 

L’acqua potabile può aiutare a diluire il glucosio nel sangue, contribuendo ad abbassare la glicemia.

Bere quantità eccessive di acqua non è una soluzione a lungo termine, tuttavia può rappresentare un buon rimedio per ridurre la glicemia durante gli episodi iperglicemici.

Domande più frequenti

La glicemia alta aumenta il rischio di morire?

Si, una iperglicemia cronica aumenta il rischio di morire a causa del fatto che il paziente può riportare danni ai vasi sanguigni, sviluppare la chetoacidosi diabetica, nonché il coma diabetico

Quali sono i cibi che fanno alzare la glicemia?

Cereali raffinati, bevande alcoliche, bibite gassate, succhi industraili, zucchero, torte, biscotti, gelato, salse e merendine sono gli alimenti che fanno maggiormente impennare lo zucchero nel sangue.

Quali sono i sintomi iniziali del diabete?

Alcuni sintomi iniziali del diabete possono includere:

  • Aumento della sete e bocca asciutta.
  • Necessità di urinare spesso.
  • Enuresi notturna (fare la pipì a letto)
  • Mancanza di energia e stanchezza cronica.
  • Fame costante.
  • Forte dimagrimento.
  • Vista offuscata.

Con il diabete a 400 si muore?

Si, alcune complicanze legate ad una condizione di iperglicemia cronica può portare anche a conseguenze fatali e catastrofiche.

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona. Biologa, diplomata all'I.T.I.S Mattei

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *