>

L’acido butirrico può essere utile nel contrastare la gastrite, la stipsi e la colite?

In questo articolo scoprirai se il consumo di acido butirrico può aiutare a ridurre l’infiammazione, nonché alcune condizioni intestinali, come la gastrite, la stipsi e la colite.

L’acido butirrico è un acido grasso prodotto dalla fibra alimentare scomposta da batteri buoni del microbiota intestinale.

Si trova naturalmente nei grassi animali e negli oli vegetali, tuttavia la quantità di acido butirrico presente nelle fonti alimentari è inferiore rispetto a quella prodotta nell’intestino.

L’acido butirrico funge da principale fonte di energia per le cellule del colon, che costituiscono il rivestimento dell’intestino. 

Mentre la maggior parte delle cellule del corpo utilizza il glucosio come principale fonte di energia, le cellule del colon che rivestono l’intestino utilizzano principalmente il butirrato, senza butirrato queste cellule non sono in grado di svolgere le normali funzioni. 

Gli acidi grassi a catena corta offrono un ambiente privo di ossigeno che supporta la crescita dei microbi intestinali che controllano l’infiammazione e mantenendo sane le cellule intestinali.

Gli studi hanno dimostrato gli ampi poteri antinfiammatori dell’acido butirrico. Si ritiene che non solo il butirrato possa aiutare a ridurre le condizioni infiammatorie, ma potrebbe anche avere un’utile capacità di gestire le risposte immunitarie. 

Come abbiamo detto prima, l’infiammazione è la radice della maggior parte delle malattie, motivo per cui avere più acido butirrico nel corpo potrebbe giovare a molte persone con vari problemi di salute.

Quindi possiamo affermare che una dieta ricca di acido butirrico può aiutare a ridurre l’infiammazione del corpo.

Acido butirrico e colon: Questo acido grasso migliora i sintomi associati alla sindrome del colon irritabile?

L’acido butirrico supporta la salute e la guarigione delle cellule dell’intestino tenue e crasso. È anche la fonte di carburante preferita per le cellule che rivestono l’interno dell’intestino crasso o del colon

È stato dimostrato che il consumo di acido butirrico in alimenti come il burro chiarificato o in forma di integratore aiuta la digestione, calma l’infiammazione e migliora la salute generale del tratto gastrointestinale.

Le persone che soffrono di sindrome del colon irritabile, morbo di Crohn o colite ulcerosa hanno dimostrato  trarre enorme beneficio dall’assunzione dell’acido butirrico.

Alcune importanti ricerche del 2012 erano uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo che coinvolgeva 66 pazienti adulti con IBS a cui era stato somministrato acido butirrico microincapsulato con dose di 300 milligrammi al giorno o un placebo in aggiunta alla terapia standard.

Dopo quattro settimane, i ricercatori hanno scoperto che i soggetti che hanno assunto l’acido butirrico hanno avuto una diminuzione statisticamente significativa della frequenza del dolore addominale durante i movimenti intestinali.

Dopo 12 settimane, i soggetti del gruppo che aveva assunto l’acido butirrico hanno manifestato riduzioni della frequenza del dolore addominale spontaneo, dolore addominale postprandiale, dolore addominale durante la defecazione e urgenza dopo la defecazione. ( 1 )

Consumare l'acido butirrico fa ingrassare?

Il butirrato ha guadagnato popolarità per la sua capacità di aiutare le persone a perdere chili indesiderati.

Prove scientifiche hanno dimostrato che le persone obese (così come le persone che hanno il diabete di tipo II) hanno una diversa composizione dei batteri intestinali. 

Si ritiene che gli acidi grassi a catena corta svolgano un ruolo positivo insieme ai probiotici nella prevenzione della sindrome metabolica, che include quasi sempre l’obesità addominale. 

Gli acidi grassi a catena corta come l’acido butirrico aiutano a regolare l’equilibrio tra la sintesi degli acidi grassi e la scomposizione dei grassi, quindi oltre a non far ingrassare, consumare l’acido butirrico favorisce il dimagrimento.

Il butirrato può migliorare la stipsi

Recenti studi hanno collegato l’infiammazione del corpo alla stipsi, e dato che consumare l’acido butirrico è in grado di ridurre l’infiammazione sistemica dell’organismo, alcuni ricercatori ipotizzano che consumare butirrato possa migliorare i sintomi associati alla stipsi. Ci vorranno ulteriori studi per confermare ciò.

L'acido butirrico riduce i sintomi della gastrite

La gastrite è una patologia infiammatoria che viene aggravata da una dieta ricca di cibi piccanti, come la pizza, i fast food, la carne rossa, il peperoncino ecc.. Gli alimenti ricchi di acido butirrico leniscono le zone colpite da gastrite, grazie alle loro proprietà antinfiammatorie e rinfrescanti.

Inoltre, consumare integratori di butirrato può contribuire a ridurre il dolore, il reflusso gastroesofageo, nonché il calore e l’irritazione delle zone interessate dalla gastrite.

Dove si trova l'acido butirrico?

Generalmente, la maggior parte dell’acido butirrico nel corpo è prodotta dai batteri intestinali. Mentre una certa quantità di acido butirrico si trova anche naturalmente nelle fonti alimentari che includono:

Ghee: La fonte più ricca di acido butirrico in assoluto

Latte di mucca

Burro

Latte di pecora

Latte materno

Formaggio Parmigiano

Carne rossa

Oli vegetali

Crauti

Domande più frequenti

L’acido butirrico è in grado di ridurre l’infiammazione del corpo?

Si, poiché gli acidi grassi a catena corta, come il butirrato creano un ambiente privo di ossigeno che favorisce la proliferazione di batteri buoni capaci di ridurre l’infiammazione dell’organismo.

Dove si possono acquistare gli integratori di acido butirrico?

Clicca qui, e scopri il miglior integratore di acido butirrico in commercio

Assumere butirrato favorisce l’aumento di peso?

Oltre a non far ingrassare, assumere l’acido butirrico è in grado di combattere molti sintomi associati all’eccesso di peso, come la stipsi, la flatulenza e la pancia costantemente gonfia.

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona. Biologa, diplomata all'I.T.I.S Mattei