IL PORTALE DEL BENESSERE

La salute è come il denaro, non abbiamo mai una vera idea del suo valore fino a quando la perdiamo. Josh Billings

salute

Quanto tempo ci vuole per smaltire i psicofarmaci dal corpo?

Quanto tempo ci vuole per smaltire i psicofarmaci dal corpo? Continua con la lettura dell’articolo per scoprirlo!

Potrebbero esistere molte ragioni per cui vorresti interrompere l’assunzione di psicofarmaci. Potresti ad esempio, aver riscontrato spiacevoli effetti collaterali dati dal consumo di questi medicinali, oppure aver trovato altri metodi completamente naturali per affrontare i tuoi problemi. 

NOTA BENE: Parla sempre con il tuo medico curante nel caso in cui tu voglia sospendere l’utilizzo di psicofarmaci. Alcuni medici potrebbero consigliarti di continuare ad assumere questi medicinali ancora per un po’ di tempo riducendo piano piano la dose assunta, poiché la sospensione immediata dall’utilizzo di questi farmaci potrebbe portare ad effetti collaterali molto più forti, rispetto a chi riduce piano piano la dose assunta.

Come posso eliminare i psicofarmaci dalla mia vita in modo sicuro?

CONTENUTI

Alcune persone potrebbero essere in grado di interrompere l’assunzione di psicofarmaci quasi immediatamente, tuttavia, altre potrebbero riscontrare diversi problemi a farlo.

Questo effetto prenderebbe di mira soprattutto le persone con alle spalle più anni di dipendenza da psicofarmaci.

Se stai pensando di interrompere l’assunzione di psicofarmaci, segui queste indicazioni:

  • È più sicuro staccarsi lentamente e gradualmente dall’assunzione di psicofarmaci. Dovresti farlo riducendo la dose giornaliera per un periodo di settimane o mesi. Più a lungo stai assumendo un farmaco, più è probabile che ci vorrà più tempo per ridurre la dose in modo sicuro e privo di effetti collaterali.
  • Evita di interrompere improvvisamente l’assunzione di psicofarmaci. Più sarà drastico il taglio, e maggiori saranno gli effetti collaterali con cui dovrai scontrarti inesorabilmente. Ecco perché conviene sempre conoscere alla perfezione i possibili sintomi derivanti la sospensione dei psicofarmaci.
  • Ottieni supporto da persone di cui ti fidi.  

NOTA BENE: Purtroppo, in alcuni casi potresti scoprire che il tuo dottore non supporta la tua decisione di staccare dall’assunzione di psicofarmaci. Cerca di non entrarci in conflitto, ma spiegagli le motivazioni dietro alla tua decisione.

Sintomi dell'astinenza da psicofarmaci

Prima di decidere di interrompere l’assunzione di psicofarmaci è doveroso informarti su i possibili effetti collaterali che potrebbero causarti questa decisione. Tra questi ci sono:

  • Dolori muscolari
  • Disturbi digestivi, come la diarrea
  • Avere la temperatura del corpo eccessivamente alta o bassa
  • Forte introversione e voglia di stare da solo
  • Dolori alla testa
  • Inappetenza
  • Irritabilità e disturbi dell’umore
  • Sindrome neurolettica maligna
  • Ansia, nervosismo e forte agitazione
  • Insonnia e difficoltà ad addormentarti
  • Forte sudorazione
  • Psicosi tardiva
  • Nausea e vomito

I miei sintomi psicotici potrebbero tornare?

I medicinali ti servono a stabilizzare i tuoi sintomi, pertanto è possibile che una loro eliminazione improvvisa possa favorire la ricomparsa dei tuoi sintomi psicotici. Ci sono diversi fattori che possono aiutarti a ridurre drasticamente il rischio di una ricaduta. Ad esempio:

  • Potresti aver imparato altri metodi naturali per migliorare i tuoi sintomi psicotici
  • Potresti aver apportato moltissimi cambiamenti nella tua vita, che hanno ridotto il rischio di incorrere nuovamente nei tuoi sintomi psicotici

Quanto tempo ci vuole per smaltire i psicofarmaci dal corpo?

L’esatta quantità di tempo in cui un medicinale rimane nell’organismo varia in base a diversi fattori come dosaggio, età, peso, condizioni fisica, e sesso della persona.

Ad esempio, si è scoperto che i farmaci antipsicotici rimangono maggior tempo nelle persone obese, nei soggetti anziani con più di 60 anni, negli individui con problemi al fegato e nelle persone di razza asiatica o caucasica.

Le differenze individuali elencate precedentemente possono influenzare il modo in cui l’organismo metabolizza ed elimina il farmaco, pertanto è più probabile che persone di peso, sesso ed etnia simili metabolizzino e smaltiscano i farmaci dal corpo in modo molto simile.

Quanto durano i farmaci antipsicotici nel corpo?

L’emivita di un farmaco, noto anche come emivita di eliminazione, rappresenta il tempo necessario affinché la concentrazione di un farmaco nell’organismo diminuisca del 50%. 

Conoscere l’emivita di un medicinale è importantissimo, poiché conoscendo questo parametro è possibile determinare per quanto tempo dureranno gli effetti nel corpo. 

I farmaci antipsicotici possiedono un’emovità di circa 15-30 ore. Ciò significa, che già dopo 30 ore dall’assunzione del medicinale antipsicotico, quasi il 50% del medicinale sarà stato eliminato dall’organismo tramite le urine e gli organi emuntori.

Detto questo, non è possibile dire a priori il tempo complessivo per eliminare completamente (100%) i farmaci antipsicotici, poiché oltre a dipendere dai fattori unici che contraddistinguono ogni individuo ( temperamento, sesso, etnia, peso ecc..), ci sono altri fattori, che possono velocizzare o rallentare l’eliminazione dei farmaci antipsicotici, come dieta, esercizio fisico, sudorazione, salute epatica ecc..

Come eliminare velocemente i psicofarmaci dall'organismo?

Adesso ti elencherò i migliori suggerimenti naturali per eliminare i psicofarmaci dall’organismo. 

Questi includono:

CONSUMARE ALIMENTI DRENANTI E DEPURATIVI: La frutta, la verdura e i centrifugati sono incredibilmente efficaci nel depurare in profondità l’organismo, dato che sono ricchi di fibre vegetali, vitamine, minerali e fitonutrienti.

Ad esempio, a colazione potresti mangiare un po’ di frutta fresca ( due mele, due pere, due banane ecc..). Nello spuntino mattutino e nella merenda potresti assumere un buon frullato di (carota, barbabietola rossa, sedano e mela).

Ti assicuro che oltre a disintossicare il corpo in profondità, la ricchezza di nutrienti contenuti in questi alimenti miglioreranno globalmente la salute digestiva, immunitaria ed escretoria del corpo.

BEVI DURANTE LA GIORNATA TISANE ALLE ERBE DEPURATIVE: Se vuoi disintossicare e migliorare le funzionalità epatiche e renali del corpo ti consiglio di assumere durante la giornata la tisana della Erbecedaria. 

LEGGI LE TESTIMONIANZE DELLE PERSONE CHE HANNO CONSUMATO QUESTO PRODOTTO

Perchè dovresti assumere questa tisana alle erbe dalle spiccate proprietà depurative e drenanti?

Oltre a depurare il corpo velocemente dalle tossine e dalle scorie in eccesso, le erbe contenute in questa tisana ( carciofo, cardo mariano, bardana, ortica, tarassaco), ripristinano completamente le funzionalità del fegato, compromesse in parte anche dall’assunzione di medicinali.

FAI ESERCIZIO FISICO: Vuoi davvero disintossicarti dai psicofarmaci, allora ti consiglio assolutamente di iniziare a praticare attività fisica in grado di farti sudare copiosamente.

Oltre a migliorare il metabolismo e favorire la perdita di peso, l’esercizio fisico induce la sudorazione, un processo naturale del corpo che tramite la pelle permette di eliminare le tossine e i metalli pesanti accumulati nell’organismo.

Per una maggiore sudorazione e quindi una migliore depurazione si consiglia di massaggiare vigorosamente a secco tutto il corpo, prima di praticare l’attività fisica. In questo modo la sudorazione sarà molto più forte e copiosa. 

AUMENTA IL CONSUMO D’ACQUA: Vuoi depurarti? Allora devi aumentare il consumo d’acqua giornaliero. Puoi aumentare il consumo di acqua anche consumando tisane, frutta, verdura e centrifugati. 

PRATICA IL DIGIUNO UMIDO UNA VOLTA ALLA SETTIMANA PER 24 ORE: Oltre a favorire la perdita di peso, un digiuno breve di 24 ore alla settimana disintossica il corpo in profondità, dato, che durante l’astensione a qualsiasi forma di cibo il corpo possiede energia a sufficienza per disintossicarsi.

Il digiuno secco è una pratica ancora più estrema, che sconsiglio almeno nelle fasi iniziali. Se davvero vuoi migliorare la tua vita, ti consiglio davvero di imparare a fare correttamente un digiuno umido di 24 ore alla settimana.

Sebbene il digiuno sia un ottimo modo per depurarsi in modo naturale, è anche vero, che se effettuato senza un criterio, può anche danneggiarti. Ecco perché consiglio di leggere questo libro sul digiuno per tutte quelle persone che vogliono intraprendere seriamente questo percorso rigenerante.

Come posso migliorare la mia salute mentale?

Adesso che ti ho elencato i migliori metodi naturali per depurarti in profondità, voglio anche elencarti le migliori strategie naturali da effettuare durante la settimana per ridurre ansia e sintomi depressivi. 

NOTA BENE: Tutti i consigli che ti andrò ad elencare hanno dimostrato scientificamente migliorare i livelli di serotonina e dopamina, due neurotrasmettitori che aumentano il il benessere mentale dell’individuo

IMPARA LO YOGA DELLA RISATA: Ridere fa buon sangue! E non potrei essere più d’accordo con questa affermazione! Lo yoga della risata è una pratica che riesce a trasformare istantaneamente le emozioni negative in emozioni positive.

Se vuoi migliorare la tua visione della vita ti consiglio assolutamente di imparare ad utilizzare questa forma di yoga. Ti basterà praticare questa forma yogica per almeno 15 minuti al giorno consecutivamente per aumentare i tuoi livelli di benessere mentale.

CAMBIA DIETA: Molti studi hanno dimostrato una correlazione diretta tra il cibo che viene consumato e la salute mentale.

Ad esempio, è stato scoperto che un aumento del consumo di frutta e verdura nei soggetti autistici riduceva la gravità dei loro sintomi. Anche le persone depresse, che consumavano un quantitativo maggiore di frutta e verdura riportavano un benessere cognitivo maggiore.

Voler continuare a mangiare carne rossa, cibi trasformati, kebab, patatine, gelati ecc.. e pretendere di avere una salute mentale e fisica di ferro è pura pazzia! È come pretendere di cucinare la miglior pizza possibile con ingredienti scadenti. 

Basa la tua alimentazione su alimenti, come:

  • Frutta
  • Verdura
  • Carne bianca, uova e pesce
  • Latticini magri
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Frutta secca
  • Spezie
  • Cereali integrali
  • Legumi

NOTA BENE: Inoltre, non assumere troppe calorie, e soprattutto mastica lentamente!

Altri consigli assolutamente da seguire per migliorare le proprie condizioni mentali sono:

  • Dormire almeno 7 per notte (22:00 – 6:00)
  • Non chiudersi in casa a respirare aria inquinata. Stai all’aria aperta
  • Assorbi la luce solare per almeno 15-30 minuti al giorno. La luce solare oltre ad aumentare i livelli di serotonina e dopamina, a contatto con la pelle aumentano la produzione di vitamina D. Diversi studi hanno associato una mancanza di vitamina d all’obesità e alla depressione.
  • Impara a praticare il qi gong. Noto anche come meditazione in movimento, questa disciplina orientale riduce notevolmente lo stress e il nervosismo, migliorando la longevità e la tua resistenza allo stress.

Domande più frequenti

Esiste un libro che mi possa aiutare con la sospensione dai farmaci?

Certo, il migliore in commercio è:

Quanto tempo ci vuole per smaltire i psicofarmaci dal corpo?

In 15-30 ore il corpo elimina già il 50% dei psicofarmaci assunti.

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona. Biologa, diplomata all'I.T.I.S Mattei

Leave a Reply