>

Calcoli alla colecisti e caffè

Bere caffè può aiutare a prevenire o curare i calcoli alla colecisti, scopriamolo in questo articolo!

I calcoli biliari sono delle sedimentazioni dure, simili a sassolini, costituiti da colesterolo o bilirubina, e si formano nella cistifellea . 

I calcoli biliari possono variare in dimensioni, poiché possono avere una dimensione di un granello di sabbia fino ad arrivare ad una dimensione di una pallina da golf. 

Quando i calcoli bloccano i dotti biliari delle vie biliari, i calcoli possono causare dolore improvviso nella zona addominale superiore destra. Questo dolore è chiamato attacco della cistifellea o colica biliare. Se i sintomi persistono e non vengono trattati, i calcoli biliari possono causare gravi complicazioni .

Se i calcoli biliari bloccano i dotti biliari, la bile potrebbe accumularsi nella cistifellea , e provocare una colica biliare. Gli attacchi alla cistifellea di solito causano dolore nella zona addominale in alto a destra, e possono avere una durata anche di diverse ore.

Gli attacchi alla cistifellea spesso dipendono da pasti eccessivamente pesanti e di solito si verificano la sera o durante la notte. Se hai avuto un attacco alla cistifellea, probabilmente ne seguiranno altri.

Gli attacchi alla cistifellea di solito si fermano quando i calcoli biliari si muovono e non bloccano più i dotti biliari.

Tuttavia, se uno dei tuoi dotti biliari rimane bloccato per più di qualche ora, potresti sviluppare complicazioni ai calcoli biliari. I calcoli biliari che non bloccano i dotti biliari non causano nessun sintomo.

Posso bere caffè se ho i calcoli alla colecisti?

Va bene bere regolarmente caffè quando hai un problema di calcoli biliari?

Bene, questa è una domanda giusta da porre considerando che il caffè è una bevanda base nella vita della maggior parte delle persone.

Caffè e calcoli alla colecisti: Cosa dicono gli studi scientifici?

I ricercatori hanno studiato 46.008 uomini negli Stati Uniti dal 1986 al 1996. I risultati suggeriscono fortemente che gli uomini che bevono regolarmente 2 o più tazze di caffè ogni giorno hanno un rischio inferiore di sviluppare una malattia sintomatica da calcoli biliari rispetto agli uomini che non bevono caffè.

Uno studio simile è stato condotto dal 1980 al 2000 coinvolgendo 80.898 donne. I risultati mostrano che il consumo costante di caffè con caffeina può aiutare a prevenire la malattia sintomatica da calcoli biliari nelle donne.

I ricercatori dell’ospedale universitario di Copenaghen hanno analizzato i dati relativi alle condizioni di salute e allo stile di vita di 104.493 persone per un periodo di 13 anni, mettendo a confronto la quantità di caffè consumata quotidianamente con la comparsa di calcoli biliari.

Dallo studio è emerso che assumere solo una tazza di caffè al giorno ha portato ad una netta diminuzione del rischio di sviluppare calcoli alla colecisti del 3%. I benefici derivanti il consumo della caffeina aumentavano considerevolmente se si assumevano diverse tazzine di caffè durante la giornata.

Chi consumava più di 6 tazzine al giorno mostrava un rischio inferiore del 23%.

I calcoli si formano quando la bile, cioè il liquido che permette di digerire i grassi, diventa troppo densa a causa dell’aumento di produzione del colesterolo.

La caffeina presenta al suo interno specifiche sostanze dette metilxantine che sarebbero in grado si stimolare la formazione di acido biliare, riuscendo ad impedire ai calcoli di formarsi.

Quindi il caffè fa bene o fa male alle persone con calcoli alla colecisti?

Quello che sappiamo è che il caffè stimola il rilascio di colecistochinina (CCK). Questo ormone innesca la contrazione della cistifellea, rilassando lo sfintere di Oddi, che alla fine provoca il rilascio della bile nell’intestino.

L’EFFETTO DI CONTRAZIONE DELLA CISTIFELLEA DEL CAFFÈ PUÒ ESSERE SIA BUONO CHE CATTIVO .

Lo svuotamento regolare della bile previene la formazione di calcoli e il fango biliare. Tuttavia, se hai già calcoli, la contrazione costante della cistifellea può anche rimuovere i calcoli silenziosi che possono bloccare i dotti e causare una riacutizzazione e un aumento del dolore percepito.

IL caffè fa bene o fa male?

Il caffè contiene i diterpeni, importanti sostanze protettrici per il fegato

La maggior parte delle ricerche ha esaminato gli effetti della caffeina sulla salute del fegato.

Una ricerca ha scoperto che sia le persone che consumavano caffè decaffeinato, che quelle che bevevano caffè normale, riportavano valori più bassi di enzimi epatici rispetto ai non bevitori di caffè in generale, ipotizzando quindi che in questa bevanda siano contenute altre sostanze epatoprotettrici oltre alla caffeina.

Il caffè oltre alla caffeina è molto ricco di diterpeni che hanno dimostrato svolgere un ruolo di primaria importanza nella salute epatica. Ci vorranno ulteriori studi per confermare l’efficacia del caffè sui calcoli alla colecisti.

Come eliminare i calcoli alla colecisti senza intervento chirurgico?

Effettua la pulizia della cistifellea

Molte persone sostengono che eseguire una pulizia alla cistifellea può aiutare a rompere i calcoli biliari, favorendo lo svuotamento della colecisti.

Sebbene non esistano ricerche scientifiche mediche riguardo a questa metodologia, ci sono molte persone online che tramite testimonianze hanno riportato molti benefici da questa pratica.

Queste persone seguono i dettami del lavaggio epatico, un libro scritto da Andrea Moritz dove spiega in modo dettagliato come guarire il fegato ed eliminare i sedimenti presenti nella colecisti.

Questo trattamento naturale consiste in una combinazione di olio d’oliva e succo di erbe

Prima di seguire questa metodologia si consiglia di consultare il proprio medico di famiglia. 

Consuma un integratore al cardo mariano

Il cardo mariano è un’erba curativa utilizzata da molti secoli per trattare moltissimi disturbi del fegato e della colecisti.

Si pensa che l’assunzione di questa erba possa favorire la stimolazione benefica del fegato e della cistifellea.

Massaggia la zona superiore destra dell'addome con l'olio di ricino

Gli impacchi all’olio di ricino sono un altro rimedio naturale molto utilizzato per pulire la colecisti. Utilizza panni caldi ricoperti di olio di ricino e ponili sulla zona destra dell’addome. Oltre ad alleviare il dolore dovrebbero aiutare a curare i calcoli biliari.

Domande più frequenti

Quali cibi evitare in presenza di calcoli biliari?

Si consiglia di evitare la carne rossa, il cibo spazzatura, le bibite gassate, gli alcolici, i dolci, le patatine ecc..

Prediligi frutta, verdura, latticini non grassi, carne bianca, pesce magro, olio extra vergine d’oliva e cereali integrali.

Le persone con calcoli alla colecisti possono bere i caffè?

Secondo gli studi scientifici il caffè aiuterebbe a prevenire la formazione di calcoli biliari, tuttavia una volta formati il consumo di caffè favorirebbe la stimolazione della cistifellea con un aumento di dolore causato dalla presenza di calcoli.

Articoli correlati

Quali verdure evitare in presenza di calcoli alla colecisti?

Team Benessere

Nata e cresciuta a Rosignano Solvay , appassionata da sempre per tutto quello che ruota intorno al benessere della persona. Biologa, diplomata all'I.T.I.S Mattei